Editing Video: Aumentare La Produttività

Editing Video: Aumentare La Produttività

Hai mai combattuto con il ” blocco dell’editor ” o semplicemente non riesci a iniziare un progetto? Io si!

Analizziamo alcune soluzioni.

Quante volte ho lavorato ad un taglio tutto il giorno alle 18:00 non ho prodotto nessun risultato.

Aa essere onesti, probabilmente stavo lavorando in uno stato molto distratto.

5 minuti di editing … poi controllo di Facebook sul telefono.
10 minuti di editing … è tempo di andare in cucina e prendere qualcosa da sgranocchiare.
Altri 10 minuti di lavoro… poi guardare un po’ fuori dalla finestra.

La parte folle è che se la consegna del lavoro fosse ad un paio d’ore di distanza anziché in un paio di giorni, in qualche modo saremmo magicamente in grado di concentrarci intensamente e portarlo a termine, con un prodotto finale davvero eccezionale.

La legge di Parkinson

La legge sul Parkinson afferma che “il lavoro si espande in modo da riempire il tempo disponibile per il suo completamento”.

In quanto esseri umani, siamo esperti procrastinatori. Senza scadenze rigide, molti progetti o attività tenderanno a durare molto più a lungo di quanto dovrebbero.

Questo vale tanto per la realizzazione di un video quanto per la creazione di un’e-mail complessa, la scelta di un vestito, la pianificazione di un grande viaggio, ecc.

Allora come combattiamo la legge di Parkinson e respingiamo le nostre tendenze procrastinatorie?

Come possiamo respingere le innumerevoli distrazioni e scuse che ci impediscono di portare a termine un lavoro solido e creativo?

Un modo è usare la Tecnica del Pomodoro.

 

 

Questa tecnica utilizza un timer per suddividere il lavoro in intervalli, tradizionalmente di 25 minuti, separati da brevi pause.

L’obiettivo è creare una serie di scadenze brevi e artificiali che ti diano la spinta per portare a termine un vero lavoro.

Applicato alla post-produzione di un video, ci sono sei passaggi da seguire:

  1. Decidi l’attività da fare durante la post-produzione.
  2. Imposta il timer del telefono su circa 25 minuti.
  3. Lavora sull’attività finché non suona il timer.
  4. Dopo che il timer suona, scrivi un segno su un pezzo di carta.
  5. Se hai meno di 4 segni, fai una breve pausa (3–5 minuti), quindi vai al passaggio 1.
  6. Dopo aver scritto 4 segni, fai una pausa più lunga (15–30 minuti), reimposta il conteggio a zero, e riparti dal passaggio 1.

Ovviamente, con un’attività creativa come l’editing, c’è sempre la possibilità che ti trovi in ​​uno “stato di flow” (il momento in cui mente e corpo, assorbiti totalmente in una data azione, entrano in una condizione di concentrazione armonica).

Stati di Flow (o Flusso)

Uno “stato di flow”, è lo stato mentale operativo in cui una persona che esegue un’attività è completamente immersa in una sensazione di concentrazione energizzata, pieno coinvolgimento e divertimento nel processo dell’attività.

Come editor, questi sono i momenti in cui le ore sembrano minuti e il lavoro creativo di alta qualità sembra venire naturalmente.

Quando raggiungi uno stato di flusso … VAI CON ESSO. Cavalca l’onda il più possibile e fai dei seri progressi nel editing. Potresti non avere un altro “stato di flow” per un po’.

Editing Video: Tagli veloci contro tagli lenti. Suggerimenti Sul Ritmo

Editing Video: Tagli veloci contro tagli lenti. Suggerimenti Sul Ritmo

Questo suggerimento riguarda la velocità del taglio, creando cambi immagine veloci o lenti!

Ricorda: mantieni un ritmo appropriato, se cambi immagine troppo velocemente perderai spettatori, troppo lentamente le annoierai.

Come regola generale, è meglio tagliare una scena più velocemente che troppo lentamente, ma senza confondere gli spettatori… essere troppo rapidi è un rischio!

 

 

Quindi cosa significa questo per noi editor?

In qualità di editor, dovresti essere consapevole che in generale il ritmo nei video sta aumentando. I tempi di attenzione si accorciano ogni giorno.

Le persone si sono abituate a tagli veloci. Secondo uno studio condotto negli Stati Uniti, la durata media delle scene è diminuita da 12 secondi nel 1930 a solo circa 2,5 secondi.

Ciò significa che gli spettatori possono elaborare le informazioni molto più rapidamente, infatti la nostra capacità di assorbire le informazioni è notevolmente aumentata.

Supponiamo che tu stia lavorando a un breve promo di 30 secondi circa: visto che stai cercando di mostrare quante più informazioni possibili, vorrai rimuovere la maggior parte dei punti morti.

Ma nel momento in cui entri in scene più lunghe come trailer completi, cortometraggi, lungometraggi e documentari, diventa necessario sapere quando comprimere e stringere e quando lasciare che il taglio “respiri” in modo che lo spettatore possa provare un’emozione, o contemplare un evento.

Ricorda che il ritmo non è sempre correlato al momento effettivo del taglio, spesso è legato alla velocità con cui esprimi i momenti della trama e le informazioni sulla storia.

Come regola generale, ti consiglio di far riflettere il pubblico.

Parte del mantenimento dell’interesse e della creazione di coinvolgimento è consentire al tuo spettatore di collegare alcuni punti della trama.

Lascia alcune domande sospese e frammenti di irresolutezza durate il montaggio, manterrai alta l’attenzione del pubblico lasciandolo pensare costantemente, il che darà anche l’illusione di un ritmo più veloce del video.

Come Trovare La Musica Perfetta per i Video

Come Trovare La Musica Perfetta per i Video

Pensa ai film, ai programmi televisivi o agli spot pubblicitari che hai visto. Probabilmente la colonna sonora ti è rimasta impressa.  Ti sei mai chiesto da dove veniva quella musica, chi l’ha prodotta e perché ha funzionato così bene?

Probabilmente no!

Dove ha preso quella musica?
Spesso, come nei lungometraggi, la colonna sonora è scritta appositamente da un compositore.
Ma in molti altri casi proviene da una libreria musicale on line.

Cosa sono esattamente le librerie musicali?

La libreria musicale “stock”, nota anche come “stock music”, è musica composta e registrata appositamente per essere utilizzata in altre produzioni.

Queste “biblioteche musicali” assumono compositori e produttori di talento da tutto il mondo – alcune anche persone che lavorano nell’industria discografica – per offrire una qualità alla pari con la migliore musica commerciale.

La concorrenza e la tecnologia hanno prodotto librerie sempre migliori, più varie e più facili da ottenere.

Royalties vs. Licenze

Molte librerie usano il termine “royalty free” per etichettare la loro musica. Questo si riferisce al fatto che non si pagano royalties direttamente a cantautori ed editori per utilizzarla.

Ciò non significa che la musica sia gratuita, spesso si acquista la licenza d’uso.

Questa varia a seconda di come si usa la musica. Nella maggior parte dei casi, paghi una volta per un brano particolare e puoi usarlo per sempre.
La licenza non è esclusiva, il che significa che potresti sentire lo stesso brano sulla produzione di qualcun altro.

Anche se non accade così spesso, è bene verificare se questo potrebbe essere un problema per il tuo cliente prima di procedere nella ricerca!

I termini di utilizzo completi sono spesso specificati a caratteri piccoli e differiscono per i diversi tipi di licenze disponibili per il brano scelto. Non è esattamente una lettura facile, ma è importante capire per rimanere in regola con le leggi sul copyright.

La ricerca dei brani nelle librerie musicali

Una buona libreria di musicale online ha una finestra di ricerca per inserire parole chiave e visualizzare i temi che sono stati contrassegnati con quei termini specifici.

Puoi anche navigare per stile musicale, umore, emozione, genere o strumentale. Ciascuna di queste categorie si suddivide in dozzine di sottocategorie.

È probabile che un determinato brano si trovi in ​​più categorie e sottocategorie.

Il motivo per cui molte biblioteche hanno funzioni di ricerca simili è perché il modo in cui pensi alla musica varia, in questo modo:

  • La musica d’ambiente per un bar di lusso si può caratterizzare da pianoforte (strumentale)
  • Un pericolo imminente suggerirebbe qualcosa di minaccioso (umore, emozione)
  • Percorrere l’autostrada potrebbe richiedere un buon accompagnamento di musica rock (stile musicale)

Perché gli stati d’animo e le emozioni sono così importanti in una ricerca musicale?

Di tutte le categorie di ricerca, gli stati d’animo e le emozioni richiedono più tempo per la scelta.
A volte i sentimenti possono essere difficili da tradurre in parole.

I Testi descrittivi che accompagnano i brani tendono a catturare molto bene l’essenza di uno stato d’animo o di un’emozione.

Ad esempio, vedrai parole come ottimista, edificante, determinato, fiducioso, nostalgico, introspettivo ed eroico nelle descrizioni dei temi musicali.

Con il tempo, migliorerai l’uso di questo linguaggio per descrivere la sensazione che vuoi evocare.
E questo renderà la tua ricerca musicale più veloce.

Suggerimenti per trovare i brani perfetti

Non importa quanto bene sia impostata una libreria musicale o quanta esperienza hai, alcune ricerche saranno più difficili di altre per un semplice motivo: non saprai sempre cosa stai cercando.

In questo caso, prova a navigare… Ascolta una varietà di brani in diverse sottocategorie.

Cose da tenere a mente:

  1. A volte la musica di sottofondo ha solo bisogno di occupare uno spazio, evitando che il dialogo o la voce fuori campo siano troppo nude.
  2. Altre volte, le scelte migliori possono essere le meno logiche. Come quando esci con qualcuno che è completamente diverso da te. Può essere un abbinamento perfetto!
  3. Una vocina nella tua testa potrebbe anche dirti che dopo tutto non hai bisogno della musica. Qualsiasi bravo progettista del suono sa che i rumori ambientali possono essere il sottofondo migliore. Spesso, le scene senza musica sono di maggior impatto.
    Nessun sottofondo a volte può essere il miglior sottofondo.

Come capire se è la scelta giusta

Indipendentemente da come arrivi alle tue scelte, devi capire come interagiscono con il tuo video.

Ecco due modi in cui potresti farlo:

  • 1. Facile e veloce: riproduci la musica dal tuo browser e riproduci contemporaneamente il tuo video.
  • 2. Scarica una versione demo e inseriscila nella tua timeline: ciò ti consentirà di mettere a punto i tempi o di allineare gli accenti musicali all’interno della scena.

Quando la Melodia non è adatta

La maggior parte dei brani in queste librerie sono strumentali, nel senso che non hanno testi e voci.

Questo per due ragioni:

  1. Le voci dei brani attirano l’attenzione distogliendola dal dialogo principale o dalla voce fuori campo
  2. I testi del brano potrebbero non adattarsi al contesto in cui viene utilizzato

Tuttavia, anche senza la voce, molti temi musicali contengono qualcosa con cui può essere altrettanto difficile lavorare: ad esempio un importante strumento solista che suona una melodia.

Questo può funzionare bene per le situazioni in cui la musica è temporaneamente in primo piano, come segnalare un cambio di ambientazione nella storia o tornare da una pausa pubblicitaria in un episodio televisivo.

Tuttavia, quando la musica deve essere in sottofondo, la melodia distoglie dal dialogo o dalla voce fuori campo nello stesso modo in cui farebbe la parte vocale di un brano.

Come dire: “Ehi, sono importante. Ascoltami!”
L’unica opzione quindi è mixare l’intera traccia musicale a un volume inferiore a quello che dovrebbe essere per dare risalto alla scena, ma non va bene! 

Perché hai bisogno di una versione alternativa

Fortunatamente, alcuni spunti arrivano dalle varianti che spesso vengono composte dai produttori musicali.

Se la libreria ti consente di scaricare più di una versione del brano che hai scelto, è bene averle tutte. Questo ti dà la possibilità di scambiarli tra loro secondo necessità.

Quindi che tipo alternative potresti usare?

Del brano originale potrebbe essere disponibile anche una versione più leggera che funziona meglio sullo sfondo di una scena. Parti che contengono solo uno o più strumenti utilizzati nell’originale.

Questo è utile se ritieni che l’originale sia quasi perfetta, ma la batteria o il piano potrebbe essere di troppo.

Potrebbero esserci anche versioni più lunghe, loop o stinger per soddisfare le esigenze del tuo progetto.
In caso di dubbio, scaricali tutti.

Le librerie musicali fanno risparmiare tempo e denaro. Se usati correttamente, i brani possono essere indistinguibili da una composizione personalizzata. È importante imparare il linguaggio utilizzato dalle librerie per descrivere le sensazioni che la musica evoca per una ricerca più rapida che produca i migliori risultati.

Come creare video per la tua Radio. Consigli.

Come creare video per la tua Radio. Consigli.

Al momento attuale, ogni media è una fonte multimediale.
Certo, i conduttori della tua radio potrebbero essere concentrati principalmente sui contenuti audio, ma nell’era dei social media, le persone vogliono vederli anche in video.

Sebbene i miglioramenti tecnologici abbiano reso sempre più facile e conveniente la pubblicazione di video online, ciò non garantisce che tutti i video creati siano avvincenti.
La creazione di video di qualità richiede un insieme di abilità e, per molti di noi, non è così naturale.

Ecco alcune cose a cui prestare attenzione quando crei i tuoi video:

Destinazione

Quando crei un video, dovrai avere bene in mente la sua destinazione finale: YouTube, Facebook, il feed di Instagram, le storie di Instagram, e così via.
Destinazioni diverse richiedono dimensioni e lunghezze diverse.
Ad esempio, un video quadrato di 45 secondi potrebbe essere il migliore per un feed di Instagram, mentre un video orizzontale di 3 minuti sarebbe più adatto a YouTube.

Non dare per scontato di poter pubblicare lo stesso video su ogni singolo social network.

 

Audio

Assicurati sempre che la qualità audio del video sia buona. Anche se stai utilizzando uno smartphone per girare brevi video, se il microfono integrato non funziona correttamente, procurati un microfono esterno progettato per il tuo telefono.

Inquadratura

Preoccupati che la fotocamera sia all’altezza degli occhi o leggermente al di sopra.
Evita di averla sotto di te quando ti è possibile.

Illuminazione

Un video troppo scuro non va bene! Se registri regolarmente video nella stessa posizione, come lo studio di trasmissione, chiedi ai tuoi tecnici di investire nell’illuminazione adeguata.
Oggi, è possibile acquistare una luce ad anello per selfie economica per garantire che i tuoi video siano ben illuminati.

Risoluzione

Nessuno vuole guardare un video non nitido. Scopri a quale risoluzione può registrare la tua videocamera e qual è la risoluzione ideale per la destinazione del tuo video.
Non scendere mai sotto il formato 720p con 1280×720.

Sfondo

Sii consapevole di cosa c’è dietro di te quando registri i video.
A volte, l’attrezzatura dello studio fornisce una bella atmosfera da DJ nel loro habitat naturale, ma altre volte potrebbe risultare ingombrante. Quando allestisci lo studio o posizioni gli oggetti di scenografia per un video promozionale, pensa a come apparirà lo sfondo nel video.

Ad esempio, lo sfondo può fornire una grande opportunità per visualizzare il logo della stazione.

Abbigliamento

L’abito fa sempre il monaco!! Un DJ di una stazione Rock dovrebbe avere un aspetto diverso da un DJ di una stazione Dance o Jazz.

Contatto con gli occhi

Guarda sempre la telecamera. E se non stai guardando la telecamera, ma altrove, fallo con uno scopo.

Movimento

Un pò di azione può dare molta energia al tuo video.

Colore

Usa colori vivaci, nel vestire o negli accessori! Salteranno fuori dallo schermo. I colori vivaci attirano l’attenzione.

Call to Action

Cosa vuoi che le persone facciano dopo aver visto il video?
Forse vuoi che controllino la tua biografia su Instagram e facciano clic su un collegamento, si iscrivano al tuo canale YouTube o lasciano un commento su Facebook.
Dillo esplicitamente alla fine del tuo video. Tieni presente che un invito all’azione che le persone possono fare immediatamente dal proprio telefono o computer è più efficace che chiedere loro di fare un’azione più grande come “vieni in concessionaria” o “ascolta dal lunedì al venerdì alle 8 del mattino”.

Immagine di Copertina

La maggior parte dei social network ti consentirà di scegliere l’immagine statica che appare sul video prima che qualcuno lo riproduca. Prenditi il ​​tempo necessario per selezionare un’immagine in miniatura che trasmetta l’argomento del video e inviti le persone a premere play.

Radio contro Video

A meno che tu non non sia in diretta durante un programma radiofonico, nel video che crei togli le tue pause in onda. Fai contenuti video ad hoc, contenuti intenzionalmente ideati e progettati per essere presentati in modo visivo.

Realizzare video avvincenti non è facile. Devi affinare una serie di abilità. Ma se presti attenzione a questi semplici consigli, i tuoi video saranno migliori.

L’importanza della produzione video

L’importanza della produzione video

Il modo in cui i consumatori interagiscono con i brand è in continua evoluzione e il video sta diventando sempre più una delle componenti più importanti.

Quello che i brand possono fare con il video sta diventando sempre più complesso: le aziende stanno sperimentando produzioni che non sono più considerate “pubblicità tradizionale”.

Le popolari piattaforme di social media stanno cambiando la concezione dei video.

La tua attività sta sfruttando appieno il suo potenziale?

Massimizzare le realizzazioni video per varie piattaforme di contenuti è oggi essenziale.
Ogni contenuto sviluppato deve essere ottimizzato per ogni canale che stai utilizzando. Le persone fruiscono dei contenuti in modo diverso su Instagram rispetto a Facebook o Twitter, perché le loro aspettative sono diverse e le informazioni che si aspettano sono diverse.
Realizzare un progetto video per uno spot pubblicitario di lunga durata non sarà appropriato per alcune di queste piattaforme.

Piattaforme principali:

  • Facebook e Youtube: video di lunga durata (in genere funzionano bene)
  • Instagram: immagini e video di alta qualità e di breve durata
  • Twitter : riservato a contenuti brevi e di piccole dimensioni
  • Tiktok: si concentra principalmente sui contenuti generati dagli utenti

Le aziende che stanno registrando i maggiori ritorni sono quelli che hanno già una comprensione esatta del processo, dove il contenuto è fatto su misura ovunque venga divulgato.

Il video di un brand che racconta una storia è uno dei cambiamenti più importanti avvenuti negli ultimi anni, contenuti che parlano di valori fondamentali dell’azienda, senza mettere in luce il prodotto.
Gli spettatori possono interagire e condividere il contenuto su più canali magari perché è divertente.
Non viene percepito come “pubblicità”. 

Le aziende si stanno anche allontanando dalla pubblicità televisiva tradizionale.
Gli spettatori TV stanno diminuendo e coloro che si sintonizzano possono facilmente cambiare canale o dare un’occhiata ai loro telefoni. I contenuti dei social media funzionano sempre.

Ma questi sono solo i canali di distribuzione.
Come creare contenuti coerenti (e costantemente convincenti)?

Ci sono 4 fattori da considerare: visione, coerenza, autenticità e creatività.

Comprendere la visione e, più specificamente, gli obiettivi creativi e strategici di un particolare progetto, è fondamentale.

Creare e condividere contenuti non è sufficiente.
Prima di iniziare la pre-produzione, i team e le persone interessati dovrebbero avere un chiaro obiettivo finale: cosa devono dire i tuoi contenuti del tuo brand? Altrettanto importante, come lo dirà?

La coerenza è fondamentale quando si crea una brand identity tramite il contenuto. Anche l’idea di come appare un contenuto “di successo” deve essere standardizzata.

Qual è l’obiettivo dei tuoi video?

  • Massimizza visualizzazioni e condivisioni: concentrati sul tradizionale successo “virale”.
  • Massimizza l’interazione: lavorare per far parlare i (potenziali) clienti tra loro e con il brand.
  • Generare consapevolezza : creare clamore intorno a nuovi prodotti o concentrarsi sui servizi attuali.

Molti marchi cercheranno di creare e condividere uno spot pubblicitario in TV o un video sui social media – per poi rinunciare se non ci sono risultati immediati. Costruire la consapevolezza del brand attraverso campagne sui media è un lento processo!

Il pubblico moderno (e in particolare quello collegato ai social media) ha imparato a filtrare gli annunci espliciti. Assicurati che qualunque contenuto venga prodotto parli dei valori fondamentali del tuo brand, ma attinga anche a esperienze autentiche e utilizzi persone reali.
Crea qualcosa con cui un pubblico possa connettersi.

E infine, deve essere creativo.
I tempi di attenzione sono brevi, ma la richiesta di qualità è alta. Una buona creatività incentrata sul marchio dovrebbe avere qualità uniche che coinvolgano le persone e le motivino a guardare.

L’implementazione di una campagna video adeguata richiede un team che comprenda questi concetti e obiettivi finali. Se non c’è un team con le giuste competenze e background, un’azienda ha due opzioni: assumerne internamente o esternalizzare.

Ma cosa succede quando la “visione” di un brand viene esternalizzata e in che modo una terza parte acquisisce una comprensione dei valori e delle esigenze di una determinata azienda?

Attraverso un ampio e meticoloso processo di scoperta.

Potresti già avere una visione di come dovrebbe essere il contenuto prodotto.
Ma è possibile che ci siano aspetti del processo che non sono stati considerati. Le principali parti interessate possono avere opinioni o idee diverse.

Il processo di scoperta deve trovare un terreno comune e sviluppare un consenso unico. Attraverso workshop, interviste e brief creativi, sviluppiamo strategia, intento e scopo.

Ogni progetto deve include una panoramica, un intervallo di budget, un moodboard, riferimenti visivi, piattaforme in cui verrà trasmesso il video e il pubblico di destinazione.
Lo scopo è stabilire obiettivi finali chiari per ogni aspetto del progetto prima di passare alla produzione.